Archivi

Dedicato al Tempio di Aphaia sull’isola di Aegina. Foto di Pompeo Maritati e musiche di Giuseppe Campa

36 comments to Dedicato al Tempio di Aphaia sull’isola di Aegina. Foto di Pompeo Maritati e musiche di Giuseppe Campa

  • Sofia

    Ottimo lavoro. Mi complimento soprattutto per l’azzeccato abbinamento con la musica. A dire il vero di pizzica non ci ho sentito il ritmo, anche se l’ascolto è molto gradevole. Vedo caro Pompeo che sei solitamente impegnato con l’Associazione, so che è il tuo Amore, e solo quando c’è l’amore si possono ottenere questi risultati. Sofia

  • Fanny

    Ciao Pompeo, Sofia mi ha informata del video di Aegina. Ricordo queste foto quando ce le facesti vedere. Fai i complimenti a Giuseppe per la sua musica, sia per la composizione nonchè per l’esecuzione. Solo quando ci si hanno intorno a se persone di questo spessore si realizzano “BELLE COSE”.

  • admin

    Carissime Sofia e Fanni, che grande gioia leggervi. Ora era da tanto che non ci si sentiva, anche per colpa mia. L’importante è sapere che il cordone ombelicare rappresentato dall’amore per la Grecia ci unisce e con il tempo rafforza il nostro legame. Grazie per i vostri elogi anche a nome del caro amico Giuseppe che oltre ad essere l’autore della musica è anche l’esecutore. Grazie ancora un bacio ed un abbraccio. Tornate più spesso.

  • Sasà

    Grazie Pompeo per averci dato ancora una volta una dolce emozione.

  • Francesca De Sanctis

    Amici della Grecia buongiorno. casualmente mi sono imbattuta sul vostro sito e sono rimasta colpita dalla vastità degli argomenti trattati. trovo veramente interessante e di questo mi complimento con voi, per la capacità di saper intrattenere i visitatori con argomentazioni varie ed interressanti. Ho visto il video, mi ha colpito a dire il vero più il sottofondo musicale, molto gradevole e consiglio di ascoltarlo più volte per apprezzarlo sempre di più.Saluti.
    Francesca

  • admin

    benvenuta sul nostro sito gentile Francesca. Grazie per i tuoi graditi commenti. Torna a trovarci.

  • Carlo

    Ciao a tutti, ciao Sofia, Fanny e Sasà, è da tempo che non ci incontrava su queste pagine. Io sono uno di quelli che da quando avete deciso di cambiare impostazione e soprattutto abbandonare la gestione del Forum, sono rimasto deluso. Si vengo di tanto in tanto ma non c’è quella partecipazione attiva di prima. Ricordate tutti quei bei scambi di opinione? Comunque per adesso m’unico ai plausi per il lavoro fatto e più di ogni altra cosa FORZA GRECIA

  • bobobubu

    Ciao, vivo ad Atene. Ho avuto l’indirizzo di questo sito da Alexis, vostro socio. Sono italiano ma da molti anni qui in questa bella unica città per le sue contraddizioni. Non vi tedio con i problemi che stiamo vivendo e che tutti voi già conoscete, desideravo solo farvi un saluto.

  • giuseppe campa

    Caro dott.Maritati, sono assai lusingato di questo onore che mi hai riservato, ovvero il sottolineare con le mie povere note delle foto splendide di un’architettura greca sublime, per magnificenza e solarità! Non ho parole. La cosa che più mi preme dire è che la terra Greca , della quale, ritengo il Salento un figlio prediletto, sia una inesauribile fonte di ispirazione in tutti i campi dell’erte e del pensiero. Ad essa, a quanto continuamente leggo, e al suo passato storico di quealche millennio addietro, si deve far riferimento se si vuole affrontare seriamente un problema speculativo. Un grazie di cuore per tutto e un ringraziamento particolarmente significativo aai commentatori che hanno scritto queste piacevoli espressioni di compiacimento per la mia musica. E’ un ritmo lento, un dolce ondulare fra la pizzica e il sirtaki, nè sussultorio nè saltellante ma un invito a gustare dolcemente l’atmosfera magica che sia il Salento sia la Grecia sanno donare! Grazie ancora! Giuseppe Campa

  • oberon

    ma chi è l’autore di questa musica? è dolcissima, incredibile, è un inno alla Grecia. Complimenti vivissimi. Oberon

  • admin

    Carissimo Giuseppe, aldilà dei commenti su questa pagina del sito, desidero comunicarti che ho ricevuto altre mail da amici che si complimentavano, con un pò di invidia da parte mia, più per la parte musicale che quella fotografica. Dovrò pertanto fare tesoro e studiare di più la fotografia. Mi raccomando riprendi la tua attività culturale.

  • StellaMaris

    Dato che gli autori dovrebbero essere due pensionati, devo dire che sono veramente fortunati. Uno fa le foto e l’altro suona. dato che prima o poi in Italia non pagheranno più le pensioni, avranno così un futuro assicurato. Bravi, mi è piaciuto molto.

  • StellaMaris

    Dimenticavo di chiedervi se posso inserire anch’io foto e musica, foto fatte in Grecia tra i ruderi dei vari siti archeologici, sul vostro sito. Grazie

  • Davide

    La spettacolarità del sito archeologico fotografato, esempio di vera arte ben s’amalgama alle note musicali.

  • Nikos Kalezis

    Πομπήιος τι να σας πω αγαπητέ, Αίγινα και Ελλάδα θα παραμείνει στις καρδιές μας.

  • admin

    cara Stella Maris, sul nostro sito possiamo inserire tutto quello che vuoi, basta che vengano rispettate le disposizioni in materia di Copyright. Il materiale da pubblicare dev’essere di proprietà, e laddove ciò non fosse possibile, bisognerà acquisire l’autorizzazione da parte dei detentori i relativi diritti. Le disposizioni qui in Italia sono SEVERISSIME.

  • Silvester

    bentrovati, era da tempo che non ci si scambiava due chiacchere. Concordo con chi prima di me ha lamentato la chiusura del Forum. In merito al video bello, ma non stracciamoci le vesti, ce ne sono di meglio in circolazione. Voi tutti mi conoscete che sono quello che non è mai daccordo e anche questa volta ritengo che si tratti di un lavoro mediocre. Non me ne voglia il nostro caro presidente e l’amico che ha fatto la musica, ma a me piace poco. Buona domenica.

  • Fulvia

    complimenti! ad entrambi! espressioni artistiche che apprezzo, sia perchè la fotografia ci avvicina o ci ricorda terre e mondi di indubbia importanza sia perchè la musica può diventare il canto del nostro cuore visto che è già il canto del cuore del compositore (che leggo essere anche l’esecutore).
    Sembra di essere al cinema, sprofondati in poltrona, immersi in atmosfere surreali. Trovo questa musica carica di magia, visto che riesce a coniugare pizzica e sirtaki. Chiedo all’autore, Giuseppe Campa, se c’è un CD in vendita. Ancora complimenti ad entrambi.

  • Salvatore Ferraga

    Faccio i miei complimenti per il sito. L’ho trovato adesso casualmente attraverso una ricerca su alcuni siti greci.
    Mi ha intrigato veramente, certamente verrò a ritorvarvi.

  • admin

    Gentili Amici, a nome mio personale e del caro amico Giuseppe Campa vi ringraziamo di cuore per i vostri attestati di amicizia. E’ la vostra partecipazione con i vostri giudizi ed opinioni, favorevoli e no, che ci danno quella necessaria carica per cercare di fare ancora meglio. Grazie a tutti indistintamente, anche a te Silvester, e forse a te più degli altri nonostante il parere negativo, in quanto hai comunque trovato il tempo ed il ritrovato “entusiasmo” di scriverlo su questa pagina.

  • Daniel

    heilà, bistrattati da tutti i forum d’Italia. Casa è successo? Tutto ad un tratto vi ritrovo. Anzi non vedo Giorgio, Banny e Roberto. Anch’io gentile caro amico Pompeo concordo con il fatto di non aver condiviso la chiusura del forum. Oggi comunque mi fa piacere ritrovare alcuno dei vecchi frequentatori che sono rimasti affezionati. Un saluto a tutti. Per il video, stendiamo un velo pietoso. (Adesso voglio vedere se non vi incazzate) Scherzo, buono ma avreste potuto fare di meglio. Preferisco la musica alle foto.

  • Fanny

    Ciao Danieeeel vecchio lupo spellacchiato della tundra di Mikonos, un caro abbraccio da me e fatti sentire. Sei rimasto il solito rompipallini, ma sotto sotto sei un simpaticono, e per questo noi tutti ti vogliamo bene.

  • Daniel

    Ciao balenottera zitella dei Caraibi. Se non ricordo male ci siamo conosciuti ben oltre sei anni fa su questo sito. ce ne siamo dette tante, anche insieme agli altri. Comunque Admin del sito, spegni tutto, senti a me, perchè se no queste quattro zitelle zimarre cominceranno a piangere di nostalgia. Sai gli anni passano per loro e zitelle rimangono. Un bacio a tutte voi avendo capito che scherzo e che vi voglio sempre tanto tanto bene.

  • admin

    bentornato Daniel, che piacere poter rileggere le tue solite frecciatine. Un plauso però consentimelo di farlo a Fanny, la definizione di Lupo Spellacchiato della tundra di Mikonos è da riportare sulla Tre Cani (non Treccani). bella la balenottera zitella dei caraibi. Grazie, Grazie, Grazie a tutti voi.

  • Banny

    Ciao Daniel, Sofia, Fanny, bentrovati. Vorrei qui fare un elogio non alle foto ed alla musica come avete fatto voi, ma a colui che dopo tanti anni caparbiamente mantiene vivo questo sito, riuscendo ad attrarre ancora, dopo tanto tempo il nostro interesse. Tra lupi e balenottere mi pare di essere in buona compagnia, se mi vedeste oggi, qualcuno mi annovererebbe tra gli Ippopotami. Vi abbraccio tutti con affetto.

  • Banny

    Il messaggio di prima giustamente èer i dovuti e sentiti ringraziamenti, questo invece per accodarmi a coloro che lamentano la chiusura del Forum. A buon intenditore poche parole.

  • Dimitri Grueza

    Τέλειο video , σαν να βρίσκομαι στην Αφαία, ο ναός φτιάχτηκε από Αιγινήτες σαν αντίπαλος του Παρθενώνα! Είναι το τελειότερο δείγμα Ναού Δωρικού ρυθμού!! Και διατηρημένου καλά!! Με φοβερή θέα! Επίσης με τον Παρθενώνα και το Σούνιο κάνουν ισόπλευρο τρίγωνο και αυτό είναι καταπληκτικό και δεν εξηγείται.

  • Maria Abasciani

    A tutti buona sera. Vorrei lasciare un mio personale parere di apprezzamento, oltre che per il video, per il vostro sito, per le numerose e variegate informazioni che date sul mondo greco. Per noi che amiamo questa terra di cultura, passeggiare tra queste pagine ci è veramente gradevole. Io non sono più una giovinetta, sono in pensione da oltre dieci anni (non sono una pensionata baby, me ne sono andata con 40 anni di vita dedicata con tutto il cuore alla scuola) e avendo da un pò preso dimestichezza con internet, approfitto per passeggiarci in lungo e in largo. La sosta presso di voi è stata veramente molto gradita. Arrivederci a presto.

  • Giorgio/B

    Ciao a tutti. Ai vecchi amici un ben ritrovato. Erano mesi che non venivo a trovarvi. Quel figlio di una capra zoppa di Banny mi ha mandato una mail dicendomi che buona parte dei vecchi amici ci si è ritrovati su questo argomento. Condivido il parere di alcuni, il video fa schifo. Ecco di sono alzate già le voci di dissenso: come ti permetti!!! ecc. ecc. ecc. STO SCHERZANDO, il giudizio che dò io non è tecnico in quanto non ho la conoscenza per farlo, so che guardandolo mi piace, la musica è orecchiabile e rilassante e sopraTTUTTO plaudo alla grande caparbietà di chi si ostina a gestire questa schifezza di sito. Ciao Pompeo, avrai capito che come al solito sto scherzando, sai quanta immensa è la mia stima, peraltro vedo ocndivisa da tanta gente. In effetti ritengfo che siano pochi i siti come questo dove si cerchi di mettere in risalto gli aspetti salienti della nostra cultura. Sai che noi tutti ti volgiamo BENE!!! e GRAZIEEEEEEEE.

  • Lucia Serenella

    Buon lavoro a tutti. Chiedo: quando la vostra sede è aperta durante la settimana? Grazie

  • salcam

    IL MIO PLAUSO VA SENZ’ALTRO ALL’AUTORE DELLE SUPERBE NOTE CHE HANNO SAPUTO RENDERE PALPABILE CIO’ CHE LA GRECìA SALENTINA E IL MONDO ELLENICO RAPPRESENTANO : IL LEGAME CHE UNISCE DUE CULTURE! GRAZIE .

  • Fanny

    Ciao Salcam belle le note, ma le foto le hai viste? Non ti sono piaciute? Sai a me son piaciute più le foto che la pizzica lente, che a dire il vero di pizzica non mi pare abbia qualcosa.

  • admin

    Fanny, ma che dici. Capisco la nostra vecchia amicizia, ma la musica di Giuseppe Campa è veramente bella, va aldilà di ogni elogio. E poi come mai proprio tu che sei stata una delle più rispettose del parere altrui, sei scivolata su una buccia di banana? Consentimi un fraterno ed affettuoso abbraccio. (Ho premesso fraterno in quanto Fanny è una bellissima DONNA!)

  • giuseppe campa

    Gentile Fanny,chiamato in causa per via della sua affermazione: “ …..di pizzica non mi pare abbia qualcosa…”, mi sento in dovere di intervenire, anzi lo faccio con piacere, in quanto mi si offre l’opportunità di chiarire, anche se maldestramente, il problema della mia pizzica lenta, e del perché io le abbia affibbiato sto nome.
    A farci ben caso, quando mi venne l’ispirazione di un brano che riunisse ( come dice il sig, SALCAM, che ringrazio per le gentili parole) il fascino del ritmo binario della pizzica con lo stesso fascino del ritmo binario del sirtaki, ricorsi a tale espediente proprio per unire le due terre per mezzo del ritmo binario di due quarti. La famosa Danza di Zorba, è difatti costruita sul ritmo del “Syrtòs”, inizialmente ( I° sec. d.C.) presentatato su un ritmo di 7/8 nella formulazione di 3-2-2 , o anche 2-2-3, con un accento più forte sul primo tempo e uno meno intenso sul quarto tempo, dando la sensazione di un ritmo simmetrico di 2/4. La danza di Zorba è un 2/4. Il ritmo della pizzica obbedisce alla stessa regola, anzi si può dire che la sensazione finale dell’ascolto è (in alcuni tamburellasti): “……..nel tamburello , di un ritmo ternario, con il “ botto forte”in battere, al centro della membrana del tamburello; in altri tmburellisti la sensazione è binaria; mentre il battito delle mani e il canto si presentano in ritmo binario……..” ( Maurizio Agamennone). E’ la stessa identica sensazione che si ha ascoltando il famosissimo e bellissimo “Allegretto” del 2° movimento della Settima Sinfonia di Beethoven, in cui è presente l’esametro eroico dattilico-spondaico, che vuol dire l’alternarsi di uno spondeo : due lunghe : _ _ ) con un dattilo ( una lunga e due brevi: _ ^ ^ ). Nella mia introduzione del brano si può inoltre notare un’altra caratteristica propria di molti canti e danze greche e precisamente la presenza all’inizio della melodia di una cadenza a note ribattute , due gruppi di due crome nella battuta. Sono le caratteristiche, penso, che uniscono la mia pizzica al sirtaki, ovvero alla danza greca e quindi la terra salentina a quella greca.Qualora infine ci fosse l’inserimento dei tamburelli, dipende dagli esecutori interpretare la formula ritmica nella percussione, facendo prevalere il ritmo ternario o quello binario. Per quando concerne l’agogica del brano il discorso è semplice: il “ lento” è d’obbligo; diventa allegro nel parte centrale; ritorna lento nella ripresa. Ora , gentile FANNY, lei si è lasciata sicuramente trascinare da ritmo ormai tambureggiante e frenetico delle varie pizzichi, tarantate- di core- e spada; E pertanto vorrebbe sentire sempre quel ritmo. Anche io lo adoro!!!! Ma ci sono pure i tempi lenti. Pensi ad esempio alla danza denominata “ sarabanda” nella quale Bach eccelle come nessun altro.Dal nome uno si aspetterebbe na specie di danza vorticosa, sfrenata , ecc.. invece è una danza con un ritmo lentissimo, straziante, dolorosissimo. Ci sono anche i valzer lenti, vedasi quello famosissimo di Sibelius, ecc. A conclusione potrei anche dire che il ritmo della mia pizzica lenta , scandito dalla mano sinistra sulla tastiera , lascia perfettamente intravedere anche il ritmo dell’habanera.. Tutti movimenti,- syrtòs-pizzica-habanera, quindi che obbediscono al ritmo di 2/4, quindi pari! Chiedo scusa della spiegazione , forse, dico forse esauriente e con delle imprecisioni sicuramente presenti . Faccio ben presente che non sono un professionista!!! Al di là di queste note tecniche, vorrei dire che io ho denominato il brano “ pizzica lenta” ( e tale è registrato alla SIAE, facente parte di un album dal nome “ Sogno nell’alba chiara” ) anche per un omaggio alla danza tipica del mio amato Salento, ma potrebbe essere pure un indicazione puramente estetica, indipendente dal ritmo., ma al solo scopo di sollecitare emotivamente l’ascoltatore! Grazie al Sig, SALCAM e a lei, Sig.ra FANNY.. Un caro saluto anche all’egregio dott. MARITATI, le cui foto inserite nel video sono SPLENDIDE!! Giuseppe Campa

  • salcam

    GENT.MA SIG.RA FANNY, CAPISCO LA SUA IRA O MEGLIO IL SUO RISENTIMENTO PER IL MANCATO APPREZZAMENTO DELLE FOTO DEL TEMPIO DI APHAIA MA, SE PUR NEL MIO PICCOLO, SONO UN FOTOGRAFO E NON HO RITENUTO SODDISFACENTE PRESENTARE PER 6 MINUTI(DURATA DEL PEZZO
    DEL SIG.GIUSEPPE) SOLO ED ESCLUSIVAMENTE, SE PUR RICCHE DI STORIA, LE PIETRE DELL’EDIFICIO GRECO ED ALMENO FOSSERO NEL CONTESTO DELL’ARCO DELLA GIORNATA, DEL TEMPO E DELLE STAGIONI, TALI DA RENDERE STIMOLANTI LE PAPILLE VISIVE COME QUELLE UDITIVE. UN CORDIALE SALUTO
    SALCAM

  • fulvia

    toh, un po’ di battibecco..son contenta. Ho letto le dotte delucidazioni di Giuseppe Campa sul pezzo muicale: infatti ascoltando ora la musica la si apprezza anche dal punto di vista estetico. Vorrei ora fare una nota a Salcam: trovo le tue ragioni valide ma io di mio ci aggiungo che in grecia è sempre azzurro il cielo, anche di notte, e che le pietre non cambiano la loro storia anche se riprese in maniera professionale.Per questo chiedo al ‘dilettante’ (scherzo) Pompeo Maritati di voler illustrare in uno o più commenti un po’ della storia di quelle pietre così le vedremo tutti illuminate della luce che Salcam avrebbe messo sullo sfondo. Salutidelcolordelcielo.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.